Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Quella rumorosa neve inglese

SnowFlickrCheddarcheez
Alla faccia dell'effetto serra, quest'inverno rischia di finire nell'albo dei record britannici. Se va avanti così, gennaio potrebbe essere uno dei più freddi da un secolo a questa parte. Il giorno 7 la Scozia ha bruciato un primato, con -23° della colonnina di mercurio. Londra è da alcuni giorni sottozero e molte strade sono lastricate di ghiaccio. Insomma, la capitale britannica è alle prese con quello che potrebbe essere un medio inverno milanese o torinese ma. a differenza delle due nordiche città italiane. essa si trova virtualmente in ginocchio. Voli cancellati, aeroporti semichiusi, oltre un quarto dei percorsi di metropolitana sospesi o chiusi il sabato 9 gennaio, polemiche sulle carenze di sale e ghiaia per le strade, incidenti a catena, migliaia di scuole sprangate. Davanti alla figuraccia della capitale britannica, perfino Roma derisa per andare in tilt alla prima pioggia, ha motivi per sfottere la città "cugina", considerando che furono i romani a fondarla quasi duemila anni fa. Ma come è mai possibile che ciò avvenga e come è mai possibile che il resto del mondo venga messo al corrente che a Londra è sceso qualche centimetro di neve mentre di città sotto la coltre bianca per mesi durante l'inverno in centro e nord Europa non se ne sa mai niente perchè subiscono in silenzio? Perchè la neve inglese è così rumorosa?


La domanda è pertinente laddove mette in luce il modo di comunicare nel nuovo millennio. Capitale Europea dei media, Londra, ha una quantità enorme di giornalisti. L'intera Gran Bretagna, come argutamente mi raccontava il collega del Financial Times, Peter Norman, uno dei migliori giornalisti finanziari degli anni '90, è "over-reported". In altre parole, una gran quantità di giornalisti, famelici e professionali, in mancanza di notizie degne di nota, pompa quelle mediocri che passa il convento. Abili a prendere fotografie, muniti di archivi storici statistici e di un ottimo servizio metereologico e bravi a confezionare le storie le più disparate e curiose, sparate a martello dai notiziari 24 ore su 24, gli inglesi da giorni stanno intrattenendo il pubblico con le amenità della neve e derivati creando una specie di psicosi da Klondyke, la gelida provincia dell'Alaska. Per carità, nessuno racconta palle, ma il solo fatto di puntare il riflettore su una situazione che non satrebbe degna di nota nel resto d'Europa la rende curiosa e anomala. Certo, va ricordato che a Londra, in particolare, causa la corrente del Golfo, il clima d'inverno è assai mite e, mediamente, in quanto a temperature, più simile a Roma che a Milano. Nevica rarissimamente e rarissimamente la temperatura va sotto lo zero. Così quando arriva una serie di giorni fredda come questa è ovvio che i giornalisti famelici le saltino addosso. Ciò che fa specie, a causa dell'effetto gregge, è che tutti ci caschino e amplifichino nel mondo l'inverno inglese come fosse un'emergenza polare mondiale. Per una volta un poco di sfottò farebbe bene: un Paese dove quasi nessuno ha catene o gomme da neve, dove pochissimi sanno guidare sulla neve, dove i vagoni del metrò londinese, che già slittano sulle foglie autunnali cadute sui binari, si arenano quando i segnali del vetusto underground ghiacciano. E dove andare in giro in auto, anche su strade semivuote, diventa un'impresa. Spesso un'impresa ridicola e a volte anche un po' patetica.